HOW TO TAKE CARE OF...IL MAGLIONE DI LANA!

Aggiornato il: gen 27

Una nuova rubrica per tutte le "Wanna be Casalinghe" a cui però mancano le basi.


Questa settimana parliamo di come lavare i maglioni di lana. Ah sia chiaro, che anche il mio livello di "casalingaggine" è di poco superiore allo zero. Ma mi sono messa d'impegno a studiare e testare l'argomento per condividerlo con voi.

Che a fare le cose insieme ci sentiamo sempre un po' più tranquille, no? Io di solito quando sono in difficoltà chiamo mia mamma e mi metto con gli auricolari alle orecchie a seguire pedissequamente tutti i passaggi che lei dall'altra parte della cornetta mi suggerisce.

Questa volta però provo a mettermi dalla parte della cornetta e non degli auricolari...siete pronte? Vi vedo quando vi apprestate a lavare un maglione, titubanti di quello che sarà il risultato. Terrificate dall`idea di trasformare il vostro preferito in una versione mignon di sè stesso. Le volte che io lavo i maglioni, mentre si stanno asciugando vado a trovarli una media di 5-6 volte all`ora. Una stalker praticamente.

Ma dopo questo mini manuale d'istruzioni vi prometto che diventeremo Medaglia d'Oro in lavaggio maglioni (almeno ci si prova).

Prima di tutto però devo farvi una RACCOMANDAZIONE. I maglioni non vanno lavati dopo ogni singolo utilizzo se volete che vi durino più a lungo. ALT, non sto dicendo che se sono sporchi dovete metterli via tappandovi gli occhi (e il naso soprattutto). Semplicemente assicuratevi prima di decidere di lavare un maglione che ne abbia davvero bisogno. Una volta appurata l'effettiva esigenza, si procede.

Come?

  1. Bacinella con acqua tiepida (mai troppo calda, perché oltre che a scolorire, INFELTRISCE) + cucchiaio di detergente (prediligere quelli per capi delicati/lana)

  2. Immergete il maglione e lasciatelo in ammollo per 10-15 minuti

  3. Toglietelo dalla bacinella, cambiate l’acqua, e immergetelo nuovamente per sciacquarlo. Ripetete l’operazione un paio di volte aggiungendo poco ammorbidente all’acqua del secondo e ultimo risciacquo.

  4. Strizzatelo gentilmente (evitando l'effetto centrifuga e cercando di essere DELICATE) per rimuovere più acqua possibile

  5. Prendete un asciugamano e utilizzatelo per tamponare il maglione

  6. Asciugatelo lontano da fonti di calore (no termo, no sopra la stufa, no luce diretta etc.) e possibilmente tenendolo su un piano orizzontale per evitare che si sformi

Nota Bene: Se non avete tempo per lavarlo a mano, potete utilizzare la modalità LANA della vostra lavatrice. Ricordandovi di NON fare la centrifuga e di utilizzare sempre l'acqua al massimo a 30 gradi. Per l'asciugatura, vale la regola sopra.

E Nota Ancora Meglio: Tutti questi passaggi sono validi per la maglieria ma anche per berretti e sciarpe!


TUTTO CHIARO??

Vi garantisco che è molto più semplice di quanto sembra! Ce l'ho fatta io...volete non farcela voi? Ma...le sorprese non finiscono quiiiii! Ho anche qualche piccolo suggerimento per tutte coloro che hanno un maglione infeltrito da "rianimare".

  1. Riempite una bacinella con tre litri di acqua tiepida e aggiungete 4/5 cucchiai di bicarbonato di sodio

  2. Immergete e lasciate in ammollo il capo per una giornata/notte intera

  3. Effettuate il risciacquo in un’altra bacinella con acqua tiepida unita a mezza tazzina di glicerina

  4. Se il capo è particolarmente rovinato, lasciatelo per qualche ora in una soluzione di acqua e ammoniaca (un cucchiaino per ogni litro d’acqua) e per rendere più efficace il trattamento, è possibile proseguire con un ulteriore ammollo di circa mezz'ora in una bacinella d'acqua con del latte, lasciando il tempo di rigenerare le fibre del capo

Ammetto di non aver testato questi ultimi quattro punti. Ma se qualcuna ci prova e vuole condividere il risultato con le "Wanna be Casalinghe" ne sarei felicissima!

E allora, tutte alle bacinelle di partenza...3, 2, 1..VIA!

A presto ragazze!

Eleonora - @ladysillusa

Follow @be.shoppingonline

Founder @_vb_uk

Post recenti

Mostra tutti